A.S.C.E.

Associazione Sarda Contro l'Emarginazione

Ultimo aggiornamento sulle condizioni dei prigionieri politici in sciopero della fame

Temi:

14 dicembre 2014

Nel 24esimo giorno di resistenza i detenuti persistono nel continuare il loro sciopero della fame con grande determinazione nonostante le loro condizioni di salute si sono aggravate.

Lo sciopero della fame dei prigionieri politici,che è iniziato 24 giorni fa,continua nonostante le pressioni e la messa a repentaglio da parte delle autorità e gli agenti del regime iraniano.Secondo Newroz TV nel corso degli ultimi 24 giorni, un agente dal ministero dell’intelligence chiamato Alireza Tabesh ha convocato più volte i prigionieri politici e ha minacciato di porre fine al loro sciopero della fame oppure dovranno affrontare gravi conseguenze.

Un funzionario del carcere ha recentemente affermato:”Il caso dello sciopero della fame dei prigionieri politici non è più trattato dalle autorità carcerarie, ma piuttosto da funzionari governativi che gestiranno e decideranno sul caso.

La scorsa settimana il Ministro dell’Intelligence di Urmiye ha tenuto un’incontro e ha invitato l’imam religioso di Urmiye,dove ha affermato:”Non prestate attenzione al loro sciopero della fame e ignorare le loro richieste”.

L’avvocato Nejad si è unito allo sciopero

D’altra parte,il numero di prigionieri politici che si stanno unendo al movimento dello sciopero della fame è in aumento e conseguentemente anche il numero di attacchi sui detenuti politici dai funzionari delle carceri è aumentato.

Al 20esimo giorno di sciopero della fame,l’avvocato curdo Masoud Shams Nejad si è unito allo sciopero della fame,tuttavia dopo due giorni è stato attaccato e molestato dalle guardie carcerarie.Va ricordato che quattro mesi fa, Masoud Shams Nejad ha perso la sua licenza ed è stato incarcerato per quattro mesi con l’accusa di aver contattato mezzi di comunicazione.

Masoud Shams Nejad aveva precedentemente difeso come avvocato Hossein Khezri e Habibollah Golparipour.

Secondo gli ultimi rapporti,i detenuti le cui condizioni di salute si sono aggravate sono Sirwan Najawi, Abdullah Temoue, Sherko Hassanpour e Ali Afshari.

Vale la pena ricordare che Alireza Rasouli è stato il primo scioperante della fame che ha iniziato lo sciopero 35 giorni fa, gli attivisti per i diritti umani temono che la sua vita in immediato pericolo.

Secondo resoconti appena rilasciati, i prigionieri politici nelle carceri di Sine, Rajae-Shahr, Minab, Zahedan e Bandar-e Lengeh hanno dichiarato il loro sostegno ai prigionieri politici del carcere centrale di Urmiye.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.