A.S.C.E.

Associazione Sarda Contro l'Emarginazione

La Turchia bombarda Qandil (KRG – IRAK) e invade la Siria, attacca il PKK e alcune posizioni delle YPG e del FSA vicino a Kobane

La Turchia, sconfina in Irak e più precisamente nella Regione del Kurdistan irakeno e f16-599x275bombarda le aree di Qandil, dove si
erano riirati i combattenti del PKK a seguito del cessate il fuoco proposto dal leader Abdullah Ocalan il 21 marzo 2013.
Invade la Siria e attacca alcune posizioni delle YPG e del FSA vicino a Kobane.
Il Comando generale delle YPG ha rilasciato una dichiarazione che denuncia l’attacco da parte dell’esercito turco contro le
posizioni della Unità di difesa del popolo (YPG) e dell’Esercito libero siriano (FSA).

Secondo la dichiarazione l’esercito turco ha bombardato le posizioni delle YPG e del FSA nel villaggio di Zormikhar di
fronte alla città di Jarabulus occupata da ISIS- usando un intenso fuoco di carri armati a Kobane ovest alle 4:30 del 24
luglio.. In questo attacco sono rimaste feriti quattro combattenti del FSA e diversi abitanti dei villaggi locali.

Ieri alle 22:00, l’esercito turco ha bombardato di nuovo lo stesso villaggio con 7 turni di carro armato.

La dichiarazione ha affermato che uno dei veicoli delle YPG è finito sotto il fuoco pesante dall’esercito turco turco a
est di Kobanê (ad ovest di Tel Abyad) nel villaggio di Al Findire alle 23:00 di ieri.

“Invece di colpire le posizioni di ISIS occupate terroristi, le forze turche attaccano le posizioni dei nostri difensori.
Questo non è l’atteggiamento giusto. Sollecitiamo la leadership turca a fermare questa aggressione e di seguire le linee
guida internazionali. Stiamo dicendo all’esercito turco a di fermare il fuoco contro i nostri combattenti e le loro
posizioni “, ha dichiarato il comando generale delle YPG .

ANF


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.